• Come si fa
  • Festività
  • News & Eventi
  • Contatti
        • Manu Food
        • Mi chiamo Emanuele Cuomo, nato a Castellammare di Stabia il 10 Marzo del 1988. Non sono e non mi ritengo uno chef! Questo Food Blog nasce dall’esigenza di avere una piattaforma unica in cui condividere e conservare tutte le mie ricette, e per permettere a chi mi segue di avere un punto di riferimento, una sorta di amichevole ricettario, in cui trovare risorse e consigli per la cucina di tutti i giorni, e per le occasioni speciali.

          Scopri di più
  • Come si fa
  • Festività
  • News & Eventi
  • Contatti
        • Manu Food
        • Mi chiamo Emanuele Cuomo, nato a Castellammare di Stabia il 10 Marzo del 1988. Non sono e non mi ritengo uno chef! Questo Food Blog nasce dall’esigenza di avere una piattaforma unica in cui condividere e conservare tutte le mie ricette, e per permettere a chi mi segue di avere un punto di riferimento, una sorta di amichevole ricettario, in cui trovare risorse e consigli per la cucina di tutti i giorni, e per le occasioni speciali.

          Scopri di più
0 0

O’ Scarpariello

O'scarpariell nato tra i vicoli di napoli

Ingredients

Directions

Share

‘O Scarpariello, il piatto dei Quartieri Spagnoli: storia e ricetta originale
„Quando i napoletani vanno di fretta e non hanno molto tempo per cucinare preparano “O Scarpariello”. Si tratta di uno dei piatti tipici della tradizione culinaria napoletana nato in una delle zone più popolari della città: i Quartieri Spagnoli. La pietanza, infatti, nasce proprio in quei vicoli dove un tempo vivevano gli “scarpari”, cioè i calzolai, che lavoravano ogni giorno nelle loro minuscole botteghe per riparare o fabbricare fantastiche scarpe. Alcuni narrano che le mogli e le sorelle di questi scarpari, non avendo molto tempo da dedicare ai fornelli, preparavano un “pasto veloce” nella pausa pranzo: lo Scarpariello, appunto. Secondo un’altra tesi, invece, questo piatto si preparava con i prodotti avanzati che si avevano in casa, o con quello che regalava (quasi sempre formaggi) allo “scarparo” la gente che non poteva pagarlo. La giornata dello “Scarpariello” era il lunedì, il giorno di riposo dei “scarpari”, quando si raccoglieva tutto quello che avevano regalato i clienti e lo si cucinava insieme al ragù avanzato la domenica. Ancora oggi lo Scarpariello è uno dei piatti più cucinati dai napoletani, specialmente quando si ha la necessità di preparare un piatto semplice e veloce. Ma a differenza di un tempo, oggi viene cucinato utilizzando i pomodori pelati o i pomodorini freschi al posto del ragù avanzato come voleva la tradizione.“

(fonte testo napolitoday)

Visualizzazioni: 257 | Visualizzazioni oggi: 1
Step 1
Mark as Complete

Rosola uno spicchio d'aglio in olio evo..
Elimina l'aglio aggiungi i pomodorini e qualche mestolo di acqua di cottura...
Copri e fai cuocere a fiamma bassa...

Step 2
Mark as Complete

Di tanto in tanto schiaccia i pomodori per far uscire il loro succo...

Step 3
Mark as Complete

Scola la pasta aldente e termina la.cottura in padella aggiungendo man mano acqua di cottura e tanto basilico..
Infine spegni la fiamma aggiungi il formaggio e manteca aggiungendo se occorre un po di acqua di cottura per dare la cremosità desiderata.

Step 4
Mark as Complete

Infine spegni la fiamma aggiungi il formaggio e manteca aggiungendo se occorre un po di acqua di cottura per dare la cremosità desiderata.

Recipe Reviews

There are no reviews for this recipe yet, use a form below to write your review
previous
roux
next
Rigatoni Cozze Pomodorini e Pesto di basilico
  • 257 Views
  • 25
  • Serves 4
  • Medium

Share it on your social network:

Or you can just copy and share this url

Ingredients

Adjust Servings:
400 gr Pasta
500 gr. Pomodorini o ciliegini o piccadilly
90 gr Pecorino Romano
90 gr. Parmiggiano
1 spicchio Aglio
q.b olio Evo
q.b Basilico Si consiglia di abbondare

Bookmark this recipe

You need to login or register to bookmark/favorite this content.

previous
roux
next
Rigatoni Cozze Pomodorini e Pesto di basilico

Add Your Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.